Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

A Juan Octavio Prenz e Anne Applebaum il Nonino 2019

 A Juan Octavio Prenz e Anne Applebaum il Nonino 2019

Vincono il premio Nonino 2019 Juan Octavio Prenz e Anne Applebaum. La giuria della quarantaquattresima edizione del premio, presieduta da Antonio Damasio, professore di Neuroscienze, Psicologia e Filosofia, e Direttore dell’Istituto Brain and Creativity presso la University of Southern California a Los Angeles, è composta da Adonis, John Banville, Ulderico Bernardi, Peter Brook, Luca Cendali, Emmanuel Le Roy Ladurie, James Lovelock, Claudio Magris, Norman Manea ed Edgar Morin. La premiazione avverrà sabato 26 Gennaio 2019, presso le Distillerie Nonino a Ronchi di Percoto. Consegnerà il premio Claudio Magris.

Questa la motivazione del premio internazionale: “Scrittore di assoluta originalità e felicemente appartato, Prenz unisce in un’opera inconfondibile la fantasia epica della grande letteratura latinoamericana e l’ombra misteriosa in cui si dissimulano i personaggi della grande letteratura mitteleuropea. Argentino di origine istro-croata, Prenz è un sommesso e appassionato cantore dell’errabonda, dolorosa, sanguigna e picaresca odissea che disperde gli uomini nel labirinto dell’esistenza umana, li fa vagabondare nel mare della vita strappandoli ad ogni irrigidita identità ma senza sradicare dal loro cuore una comune fedeltà di destini, affetti, bizzarrie, il gioco a carte nell’osteria e la resistenza alla violenza, al potere tirannico.” Di Juan Octavio Prenz, La nave di Teseo ha pubblicato lo scorso anno Solo gli alberi hanno radici. Di prossima pubblicazione presso la stessa casa editrice la raccolta di versi Figure di Prua e il romanzo Il signor Kreck.

Anne Applebaum vince il premio Nonino 2019 dedicato a “un maestro del nostro tempo”. Storica e giornalista, ha lavorato sulla storia dei totalitarismi nel ventesimo secolo e sulla rinascita del nazionalismo e del populismo nel ventunesimo. Nata a Washington DC, ha sia la cittadinanza americana sia quella polacca. Il suo libro, Gulag: Storia dei campi di concentramento sovietici, le è valso il Premio Pulitzer e la candidatura per il National Book Award.

 

La storia del Nonnino:

Il 1 Dicembre 1973 Giannola e Benito Nonino rivoluzionano il sistema di produrre e presentare la Grappa in Italia e nel mondo: creano il Monovitigno® Nonino, distillando separatamente le vinacce dell’Uva Picolit. Il 29 Novembre, con lo scopo di “stimolare, premiare e far ufficialmente riconoscere gli antichi vitigni autoctoni friulani” e preservare così la biodiversità del territorio, istituiscono il Premio Nonino Risit d’Aur e una borsa di studio da assegnare annualmente al miglior studio di carattere sia tecnico sia storico, relativo ai suddetti vitigni. Nel 1977, con il proposito di sottolineare la permanente attualità della civiltà contadina, al Premio Nonino Risit d’Aur affiancano il Premio Nonino di Letteratura – Mario Soldati presidente della giuria – che dal 1984 si completerà con la Sezione Internazionale.

Tags

Condividi questo articolo