Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

A Nadia Terranova il Premio Bagutta Opera prima

È stata Nadia Terranova, con il suo Gli anni al contrario a vincere il Premio Bagutta Opera prima. Il Premio Bagutta 2016 è andato invece in ex aequo a Ogni altra vita di Paolo Di Stefano (Il Saggiatore) e a Paolo Maurensig per Teoria delle ombre (Adelphi). La giuria, presieduta da Isabella Bossi Fedrigotti, è composta da Rosellina Archinto, Silvia Ballestra, Eva Cantarella, Pietro Cheli, Elio Franzini, Umberto Galimberti, Piero Gelli, Andrea Kerbaker, Ranieri Polese, Elena Pontiggia, Enzo Restagno, Mario Santagostini, Valeria Vantaggi e Orio Vergani. La premiazione si è tenuta domenica 31 gennaio presso il Ristorante Bagutta di Milano.

Gli anni al contrario racconta la storia dell’amore tra Aurora e Giovanni, due giovani universitari messinesi che s’incontrano alla fine degli anni settanta, vanno a vivere insieme, hanno una figlia e poi non riescono a reggere la fatica della quotidianità, la frustrazione delle ambizioni  e l’urto della temperie culturale. Un racconto famigliare intessuto di dolore e di affetto, una scrittura asciutta dal grande potere evocativo.

 

 

Nadia Terranova (1978) è nata a Messina e vive a Roma. Tra i suoi libri, Bruno. Il bambino che imparò a volare (Orecchio Acerbo 2012, illustrazioni di Ofra Amit) che ha vinto il Premio Napoli e il Premio Laura Orvieto ed è stato tradotto in Spagna. Collabora con «IL Magazine» e «pagina99». Gli anni al contrario è uscito da Einaudi nel 2015.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo