Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Al casale di Francesco Formaggi

Aperta campagna: una stradina sterrata, un gregge di pecore, una vacanza, una macchina, un cruscotto. E poi Giulia e Francesco. Manca solo un elemento per fare di questo elenco l’incipit dell’esordio letterario dello scrittore Francesco Formaggi. L’elemento è un alluce, l’alluce deforme di Giulia: può una piccola parte di un corpo trasformare la tela narrativa di una storia, dettare il ritmo delle pagine e della vacanza dei protagonisti, fino a far culminare tutto in una sciagura? Sì, “è andata così”, per dirla con l’autore. Il romanzo Il Casale (Neri Pozza 2013) di Francesco Formaggi è un libro che partendo da una deformità del corpo umano approda alla deformità del genere umano: nel tempo di un’estate, sullo sfondo di un casale e con un finale sorprendente. Sorprendente in tutte le possibili accezioni dell’aggettivo.

Francesco Formaggi è nato nel 1980 in provincia di Frosinone. Ha studiato Filosofia estetica all’Università di Bologna, dove ha iniziato a scrivere i suoi primi racconti. Dopo la laurea è tornato in Ciociaria, dove ha fatto i lavori più disparati: cameriere, commesso in un videonoleggio, operatore di un call center. Con il romanzo Birignao (embrione de Il casale) ha vinto il premio creatività Scuola Holden. Collabora con «Nuovi Argomenti», la rivista letteraria fondata da Alberto Moravia dalla quale sono usciti i migliori talenti della narrativa italiana contemporanea. Il casale, uscito per Neri Pozza a settembre 2013, è il suo primo romanzo.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo