Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Andrea Tarabbia: la morte e la letteratura

La buona morteViaggio nell’eutanasia in Italia, pubblicato da Manni, è un libro di Andrea Tarabbia che si muove sui due binari paralleli del reportage e dell’autobiografia. Da una parte Tarabbia incontra e raccoglie le storie private e le iniziative pubbliche di Mina Welby (la moglie di Piergiorgio) e Emilio Coveri  (presidente di Exit), dall’altra racconta episodi della sua infanzia e adolescenza all’ombra di un amatissimo nonno, ridotto da una serie di infarti a uno stato semivegetativo. Scrive Tarabbia che la lunga agonia del nonno ha modificato il suo immaginario, parla del sentimento di morte che si porta dentro, e insieme sottolinea come l’eutanasia sia una pratica di autodeterminazione e in quanto tale vada difesa e sostenuta. Tarabbia analizza poi i testi  che hanno posto al centro la descrizione della morte, dal Tolstoj di Morte di Ivan  Il'ič La parola fine di Roberta Tatafiore: l’orizzonte del libro è e resta letterario. Vi presentiamo qui l’intervista che abbiamo fatto all’autore. In chiusura gli abbiamo chiesto un parere sul recente caso di Brittany Maynard, la giovane americana che ha voluto rendere pubblica la sua scelta dell'eutanasia.

Andrea Tarabbia è nato a Saronno, in provincia di Varese, nel 1978. Ha pubblicato i romanzi La calligrafia come arte della guerra (Transeuropa, 2010), Marialuce (Zona, 2011) e Il demone a Beslan (Mondadori, 2011), il saggio Indagine sulle forme possibili (Aracne, 2010) e l’e-book La patria non esiste (Il Saggiatore, 2011). Nel 2012 ha curato e tradottoDiavoleide di Michail Bulgakov per Voland ed è uscito Il cimitero degli anarchici (Franco Angeli), scritto per l’Archivio di Stato di Regione Lombardia. Nel 2013 è uscito il racconto La ventinovesima ora, pubblicato in versione e-book nella collana Mondadori Xs. Per sei anni è stato membro della redazione della rivista “Il primo amore”. La buona morte è uscito da Manni nel 2014. Vive a Bologna.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo