Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Anilda Ibrahimi: quando arrivavano gli tsigani

In Non c’è dolcezza la scrittrice albanese Anilda Ibrahimi racconta la storia di  Lila e Eleni, due compagne di scuola, innamorate dello stesso ragazzo,  Andrea. Lila studia in citta’, diventa maestra, sposa Niko, il fratello di Andrea e ha tre bambine; Eleni resta in paese, quando il suo amato viene lasciato dalla prima moglie, ne diventa la sposa e soffre con lui per la mancanza di figli. Quando Lila resta incinta per la quarta volta, decide di donare il nascituro alla cognata: è convinta che sarà un’altra femmina, ha voglia di tornare al lavoro e soprattutto vuole fare felice Eleni. Nasce un maschio e con lui Lila sente subito un legame fortissimo. Non ha il coraggio pero’ di infrangere la parola data e dopo tre mesi si separa dal bambino, che cresce convinto di essere il figlio di Eleni ed Andrea. Non ne verra’ nulla di buono per entrambe le famiglie. Nell’intervista Anilda Ibrahimi spiega di essere tornata alle atmosfere ancestrali del suo primo libro Rosso come una sposa e di aver scritto una storia fuori dal tempo, per poi, in un secondo momento, collocarla in un periodo storico ben definito. Il personaggio che piu’ l’appassiona e’ quello di Eleni, la madre adottiva per cui non c’e’ dolcezza: ama il figlio, ma da lui non riceve l’amore che desidera e lo stesso succede con il marito che si era illusa di poter cambiare. Incombe sui protagonisti del libro un forte fatalismo: ognuno va incontro al suo immutabile destino. L’apparizione periodica degli tsigani con i loro canti rappresenta la colonna sonora della narrazione e rievoca un mondo di rispetto reciproco e di salde relazioni tra popoli diversi che si e’ perduto nell’Italia e nell’Europa di oggi. L’ultima riflessione riguarda la lingua italiana scelta dall’autrice in quanto lingua della quotidianeita’ e del rapporto con i figli; rifuggendo dalla retorica della lingua materna, Ibrahimi usa uno strumento del suo presente per rievocare il passato e avvolgerlo in un’aura di epicita’.

Anilda Ibrahimi è nata a Valona nel 1972. Ha studiato letteratura a Tirana. Nel 1994 ha lasciato l'Albania, trasferendosi prima in Svizzera e poi, dal 1997, in Italia. Il suo primo romanzo Rosso come una sposa è uscito nel 2008. Il suo secondo romanzo e’ L'amore e gli stracci del tempo (2009 e 2011, di cui sono stati opzionati i diritti cinematografici). I suoi romanzi sono tradotti in sei paesi. Nel 2012 ha pubblicato Non c'è dolcezza.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo