Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Annunciati i finalisti del Premio Napoli 2018

 Annunciati i finalisti del Premio Napoli 2018

A Palazzo Reale, prestigiosa sede della Fondazione Premio Napoli, sono stati annunciati i finalisti della 64^ edizione del PREMIO NAPOLI, le terne finaliste sono state selezionate da una giuria tecnica presieduta dall’avv. Domenico Ciruzzi, presidente della Fondazione Premio Napoli. I riconoscimenti saranno consegnati nel corso della cerimonia che si svolgerà il 18 dicembre 2018 al Teatro Mercadante.

 

I LIBRI E GLI AUTORI FINALISTI:

 

Sezione NARRATIVA

- Mio padre la rivoluzione (Minimum Fax) di Davide Orecchio
- Ipotesi di una sconfitta (Einaudi) di Giorgio Falco
- Leggenda privata (Einaudi) di Michele Mari

 

Sezione POESIA
- Prova d’inchiostro e altri sonetti (Aragno) di Mariano Baino
- La pura superficie (Donzelli) di Guido Mazzoni
- Rifrazioni (Mondadori) di Elio Pecora

 

Sezione SAGGISTICA
- L’invenzione del globo (Einaudi) di Matteo Vegetti
- Stranieri residenti (Bollati Boringhieri) di Donatella Di Cesare
- Sillabario dei malintesi (Marsilio) di Francesco Merlo

 

Il nostro lavoro spiega Domenico Ciruzzi, presidente della Fondazione Premio Napoli – è anche finalizzato alla promozione della cultura letteraria come strumento di costante dialogo tra Palazzo reale e periferie e viceversa. La Fondazione è nata come un presidio di cultura sul territorio e deve sempre più rappresentare un laboratorio di idee e di attività che metta in relazione armonica realtà distanti”.

 

I PREMI SPECIALI

 

Alle tre sezioni votate dai giudici lettori si affiancheranno tre categorie speciali: Internazionale, Cultura e Drammaturgia contemporanea. In queste tre categorie a indicare i vincitori sarà la giuria tecnica presieduta da Domenico Ciruzzi e formata da quindici membri: lo scrittore e “paesologo” Franco Arminio, l’autore e produttore televisivo Stefano Balassone, lo sceneggiatore e regista Maurizio Braucci, il giornalista del quotidiano “la Repubblica” Antonio Gnoli, i giuristi Alfredo Guardiano e Sergio Moccia, il medico, poeta ed editore Eugenio Lucrezi. Diversi i docenti universitari in giuria: Chiara Ghidini (Università L’Orientale di Napoli), Massimo Fusillo (Università degli Studi dell’Aquila), Bruno Moroncini (Università degli Studi di Salerno), Ermanno Paccagnini (Università cattolica del Sacro Cuore di Milano), Matteo Palumbo (Università di Napoli Federico II), Monica Ruocco (Università L’Orientale di Napoli), Pasquale Sabbatino (Università di Napoli Federico II) e Paola Villani (Università degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa).

 

Nato nel 1954, il Premio Napoli costituisce un unicum nel panorama culturale italiano, sia perché, a differenza di altri riconoscimenti promossi da privati, è promosso da una Fondazione costituita da soggetti pubblici (Comune di Napoli, Regione Campania, Città metropolitana, Camera di Commercio), sia perché animato da migliaia di “giudici lettori”, circa 1330 distribuiti principalmente sul territorio campano, oltre che in alcune regioni italiane, a garanzia di imparzialità nelle scelte dei finalisti e dei vincitori.

 

Iniziativa POETI DA SECONDIGLIANO - Perché chi è “dentro” non sia escluso: animata da questa convinzione la Fondazione Premio Napoli, in collaborazione con il portale NapoliClick, ha avviato nel 2016 un laboratorio di poesia e scrittura creativa, che ha coinvolto 25 detenuti del penitenziario di Secondigliano. Impegnati in un lungo lavoro sulla lingua e sull’interpretazione e in un serrato confronto con i classici, da Palazzeschi a Sanguineti, da Dante a Dylan Thomas, si sono infine misurati con la stesura dei versi. Versi come riscatto, libertà. Versi come sfogo dell’anima, segnale di esistenza dal mondo di dentro. Versi raccolti nella nuova silloge Poeti da Secondigliano, appena pubblicata per i tipi di Ad Est dell’Equatore e realizzata dalla Fondazione Premio Napoli al fine di incoraggiare la produzione culturale e favorire la lettura, il dibattito e la scrittura nel centro penitenziario partenopeo.

 

Per tutte le info e il programma completo vai al sito www.premionapoli.it

 

Tags

Condividi questo articolo