Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Antonietta Pastore: in Giappone, dopo la bomba

In Mia amata Yuriko (Einaudi) Antonietta Pastore, traduttrice italiana di Murakami e di altri scrittori giapponesi, racconta un viaggio con la suocera a Etajiama dalla sorella di questa Yuriko. Preoccupata all’idea di incontrare una folta rappresentanza dei parenti del marito e di essere giudicata in quanto straniera, la protagonista viene colpita dal mistero che sembra celarsi dietro la donna che la ospita: è divorziata, ma nutre sentimenti nostalgici verso l’ex marito, e ha un’aura di tristezza addosso che le pare inspiegabile. Attraverso la drammatica storia del matrimonio tra Yuricho e Yoshi, Pastore illumina diversi tratti del carattere giapponese e della storia recente del Giappone e insieme ci restituisce il ritratto di una donna piena di forza e di dignità.

 

Antonietta Pastore è traduttrice dal giapponese di Murakami Haruki, Natsume Soseki e Kawakami Hiromi. Con Einaudi ha pubblicato Nel Giappone delle donne (2004), Leggero il passo sui tatami (2010) e Mia amata Yuriko (2016).

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo