Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Barney Rosset: una vita per la libertà di espressione

 Barney Rosset: una vita per la libertà di espressione

Si è spento a Manhattan, all'età di 89 anni, l'editore statunitense Barney Rosset.
Una figura di straordinaria rilevanza nel mondo della letteratura contemporanea, alla quale sono debitrici almeno due generazioni di lettori.
L'editoria deve molto a Barney Rosset: senza il suo contributo, il suo impegno e il suo coraggio, molte delle pagine più preziose della narrativa americana avrebbero rischiato di non essere mai stampate né sfogliate, soffocate dalla censura e dal pregiudizio.
Rosset scelse per primo di investire in prima persona su capolavori accusati di oscenità dalla morale dell'epoca e, sfidando ogni possibile rischio, rischiando la condanna e la rovina economica, portò alla luce opere come Tropico del Cancro di Henry Miller o L'amante di Lady Chatterley.

Nato a Chicago nel 1922, Barnet Lee Rosset si appassionò alla letteratura a partire dagli anni del college, dove studiò lettere e comunicazione. Nel 1951 rilevò la casa editrice Groove Press, trasformandola in una vera e propria factory delle avanguardie letterarie della seconda metà del Novecento. La linea editoriale della Grove Press spaziava dalla narrativa europea e americana contemporanea al teatro, e per scelta dello stesso Rosset riservò da sempre una particolare attenzione ad opere e manoscritti rifiutati da molti altri grandi editori, sia perché ritenuti poco commerciali sia perché troppo provocatori per il puritanesimo dell'epoca.

Barney Rosset fu il primo a pubblicare, nel 1954, Aspettando Godot di Samuel Beckett, che era stato respinto da tutte le maggiori case editrici americane e che portò alla ribalta l'opera di Samuel Beckett, restituendogli una fama planetaria. Pubblicò inoltre i lavori di Alain Robbe-Grillet, Jean Genet, and Eugène Ionesco, oltre a dare alle stampe la maggior parte delle opere della beat generation, scoprendo e lanciando autori come Jack Kerouac, William Burroughs e Allen Ginsberg.

Grove fu inoltre il primo editore a pubblicare l'opera di Harold Pinter ed è tuttora l'editore statunitense che detiene l'esclusiva per la pubblicazione delle opere di De Sade.

L'attenzione e l'interesse per opere letterarie particolarmente controverse costò molto cara a Barney Rosset: a causa della pubblicazione de L'amante di Lady Chatterley di D.H. Lawrence e, successivamente, di Tropico del Cancro di Henry Miller venne arrestato e processato con l'accusa di oscenità e fu al centro un'intensa battaglia legale, nel corso della quale si appellò al Primo Emendamento della Costituzione americana per difendere la libertà di espressione e di parola. Subì sessanta citazioni in giudizio in 21 stati americani e venne incarcerato fino a quando, nel 1964, la Suprema corte degli Stati Uniti lo assolse da tutte le accuse con una sentenza destinata a diventare storica e a segnare un precedente di importanza cruciale sia nella storia della narrativa che della libertà di espressione.

La vicenda personale e umana di Barney Rosset è stata portata anche sul grande schermo nel documentario Obscene, di Neil Ortenberg e Daniel O’Connor, selezionato al Film Festival di Toronto nel 2007.
A pochi anni dalla scomparsa, inoltre, Barney Rosset è stato insignito dall'American National Book Foundation di un riconoscimento permanente per il suo impegno e il suo contributo alla letteratura americana e mondiale. 

Tags

Condividi questo articolo