Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Bartleby lo scrivano secondo Alessandro Baricco

Il 28 settembre del 1891 muore a New York lo scrittore, poeta e critico letterario Herman Melville. Alessandro Baricco presenta il suo Bartleby lo scrivano, un breve e claustrofobico racconto pubblicato nel 1853 e diventato uno dei capolavori della letteratura mondiale. Il protagonista è un impiegato modello, assunto in uno studio legale come scrivano. Il suo compito è semplicemente quello di copiare e lui lo svolge quotidianamente in modo impeccabile, con dedizione assoluta, fino a quando, un giorno, l’avvocato per cui lavora gli assegna una mansione leggermente diversa. Alla richiesta, semplice e legittima, Bartleby oppone un fermo e inspiegabile rifiuto, fatto di un mutismo ostinato. Il celebre “preferirei di no” è l’unica frase proferita. Reiterata nel tempo e opposta a qualsiasi ragionevole richiesta di spiegazione, essa fa precipitare il protagonista in un enigma impenetrabile e tragico, che lo condurrà in breve tempo alla morte. Alla follia di Bartleby fa da contraltare la figura dell’avvocato, uomo mite e mediocre, personificazione del buon senso, della ragionevolezza umana, di quella “normalità” borghese con la quale il protagonista rifiuta ogni compromesso.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo