Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Costantino Massaro, La poetica della pancia

 Costantino Massaro, La poetica della pancia

Da sempre gli scrittori si sono confrontati con il tema del cibo e con i suoi risvolti culturali, ma anche antropologici, sociologici, politico-economici. L’analisi del rapporto tra letteratura e sfera alimentare condotta da Costantino Massaro in La poetica della pancia, Viaggio gastronomico nell’anatomia degli scrittori italiani dell’Otto-Novecento, pubblicato da Ets, parte da Gabriele D’Annunzio e dal suo “rapporto seduttivo con il cibo, una sorta di raffinata e stimolante allegoria della seduzione”. Seguono Giacomo Leopardi, la cui passione per certe vivande denota la capacità di essere immerso nel mondo reale e concreto; Eugenio Montale che attiva spesso nella sua opera il binomio cibo-ricordo; Cesare Pavese per il quale il nutrimento è metafora di una vita serena; Italo Svevo che parla del cibo come strumento di pura sopravvivenza e infine Giuseppe Tomasi di Lampedusa: il suo Gattopardo, oltre a essere uno dei capolavori della letteratura italiana, è anche un testo fondamentale per la cucina. Molto documentato e aderente ai testi letterari, questo libro evoca diversi piatti delle regioni da cui provengono gli autori citati.

Costantino Massaro è nato a Benevento nel 1971 ed insegna lettere classiche al liceo da quasi vent’anni. Ha fondato un’associazione culturale, Il cantiere delle Muse. Con i suoi alunni ha creato un sito, www.olc.it (Organizzazione per la Liberazione del Congiuntivo), dedicato alla lingua e alla cultura italiana.

Tags

Condividi questo articolo