Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Critici in erba: vince l’elaborato su Io sono soltanto una bambina

I ragazzi della classe 3° B della scuola primaria Due Agosto di Bologna hanno vinto il premio di "Critici in erba" (categoria +6) per il loro elaborato nato in seguito all'incontro con Jutta Richter e alla lettura del suo libro "Io sono soltanto una bambina".

Il premio “Critico in erba” è stato assegnato da Bologna Children’s Book Fair nell’ambito del Premio Strega Ragazze e Ragazzi. Si trattava di scrivere un tema "di classe" a conclusione della lettura di un libro e dell'incontro con uno degli autori finalisti del Premio Strega.

Hanna ha un padre (un padre numero due, perché quello numero uno se n’è andato in Australia dopo la sua nascita per “la nostalgia dei luoghi lontani”) altissimo e una madre bassissima. Lei stessa è parecchio bassina e impopolare a scuola (le altre ragazze vestono di rosa e hanno tutti i capelli lunghissimi, lei no). Cambia casa, riceve il desiderato gatto, trova in classe un’amica che viene da New York e non ha paura di nulla perché sa fare judo. In Io sono soltanto una bambina, tradotto per Beisler da Bice Rinaldi, Jutta Richter entra nella testa di una ragazzina, ne registra le emozioni, gli slanci, le paure. “Io sono soltanto una bambina”, è il modo in cui si concludono i capitoli ed è anche un monito per gli adulti a non sovraccaricare le giovani generazioni con i loro problemi. Questo suo romanzo è il quinto pubblicato in Italia da Beisler.

Abbiamo incontrato Jutta Richter a Bologna in occasione della Book Fair. Ci ha fatto da interprete Alessandra Petrelli.

Jutta Richter è nata a Burgsteinfurt in Vestfalia nel 1955. Il suo primo libro l’ha scritto dopo un soggiorno di un anno a Detroit. Dopo il diploma ha studiato teologia cattolica, germanistica e pubblicistica all’Università di Münster. Scrive racconti e romanzi per ragazzi e per adulti, nonché canzoni, lavori per il teatro e per la radio. Vince nel 2001 il DeutscherJugendliteraturpreis. Nel 2007 con il libro Il gatto Venerdì ha ricevuto il Premio Andersen – Il mondo dell’infanzia. Vive a Westerwinkel, presso Münster.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo