Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Francesco Abate, Torpedone trapiantati

Per costringere Francesco a partecipare alla gita dell’Associazione sarda Trapiantati, i suoi amici non esitano a minacciarlo di non andare al suo funerale (il che lo lascia piuttosto indifferente) e di impedirgli di scrivere su di loro (e questa seconda eventualità provoca la sua pronta adesione). Torpedone trapiantati di Francesco Abate, pubblicato da Einaudi, è la dimostrazione che si può parlare di un argomento serissimo con risvolti drammatici come il trapianto di organi con un registro comico, raggiungendo livelli di grande efficacia comunicativa. Abate racconta una gita turistica in varie località della Sardegna a cui partecipano le persone che hanno subito un trapianto, alcuni loro parenti (in particolare sua madre) e alcuni amici (in particolare l’amica di sua madre, che come lei parte carica di cibi cucinati): tra incursioni in ospedale per prelevare chi è ricoverato, scherzi goliardici, pranzi, soste programmate e non, il libro parla di quello che significa poter godere di un supplemento di vita grazie alla generosità di chi non c’è più, del proprio dialogo immaginario con la donatrice di fegato, di cosa comporta per una famiglia stare vicino a una persona gravemente malata e di chi si ritrova solo ad affrontare i ricoveri. Un inno alla vita privo di qualsiasi retorica, un’iniezione di ottimismo, ma anche una riflessione sul valore terapeutico della scrittura: un romanzo che aiuta i suoi lettori a mettere a fuoco i loro veri obiettivi.

Francesco Abate è nato a Cagliari il 17 maggio 1964. Ha scritto: Mister Dabolina (Castelvecchi, 1998), Il cattivo cronista (Il Maestrale, 2003), Ultima di campionato (Il Maestrale, 2004/ Frassinelli 2006), Getsemani (Frassinelli, 2006) e I ragazzi di città (Il Maestrale, 2007). Con Einaudi ha pubblicato Mi fido di te (Stile libero 2007), scritto a quattro mani con Massimo Carlotto, Cosí si dice (2008), Chiedo scusa (con Saverio Mastrofranco, 2010), Un posto anche per me (2013), Mia madre e altre catastrofi (2016) e Torpedone trapiantati (2018). È fra gli autori dell'antologia benefica Sei per la Sardegna (2014, con Alessandro De Roma, Marcello Fois, Salvatore Mannuzzu, Michela Murgia e Paola Soriga).

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo