Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Francesco Pacifico: Le donne amate

Le donne amate è il nuovo romanzo di Francesco Pacifico pubblicato da Rizzoli, una sorta di memoir-confessione del protagonista Marcello, poeta e editor di una grande casa editrice italiana, che stufo del dominio patriarcale e maschile nel romanzo moderno (e nella propria vita borghese) decide di dedicare il suo nuovo romanzo a raccontare le cinque donne più importanti della sua vita: moglie, amante, sorella, cognata e madre.

 

Abbiamo incontrato Francesco Pacifico a Roma durante il festival Libri Come e con lui abbiamo parlato del tema dell’abbandono, quello del protagonista che sceglie appunto di lasciarsi alle spalle l’imperativo di controllo maschile in cui è cresciuto, per concedersi finalmente di guardare alle donne nell’inevitabile incertezza del presente e dell’irriducibilità dell’altro.

 

Nei grandi romanzi di maschi, gli uomini si agitano, sbagliano, si sbattono in un flipper in cui le donne sono le sponde che squillano e baluginano appena toccate; appariscenti e cruciali, tanto che sembrano protagoniste – in realtà sono pura funzione della pallina di metallo dell’uomo” Francesco Pacifico, Le donne amate.

 

Francesco Pacifico è nato e vive a Roma. Scrive su “la Repubblica” e “IL”, è editor de “Il Tascabile” di Treccani e ha tradotto, fra gli altri, Francis Scott Fitzgerald, Kurt Vonnegut, Henry Miller, Arthur Conan Doyle. Ha pubblicato i romanzi Il caso Vittorio (2003), Storia della mia purezza (2010), Class (2014, tra i libri del 2017 per i critici del “New York Times”) e il saggio Seminario sui luoghi comuni (2012).

 

 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo