Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Frankenstein di Mary Shelley secondo Nadia Fusini

Torna nell’edizione originale del 1818, tradotta da Alessandro Fabrizi, Frankenstein di Mary Shelley (Neri Pozza). Il testo è corredato da molti materiali e in primo luogo da un'introduzione di Nadia Fusini in cui si sottolineano le diverse valenze di questo romanzo che è famigliare, psicologico e sociale e costituisce “un controcanto femminile all’ideale prometeico maschile”. Scritto da Mary Shelley appena diciannovenne, il libro riflette la lunga serie di lutti subita dall’autrice (dalla morte di parto della madre, la famosa filosofa femminista Mary Wollestoncraft, a quella dei suoi figli piccoli, al suicidio della sorellastra e della prima moglie di Percy Shelley da lei poi sposato).  Scrive Nadia Fusini: "la nota più alta e profonda è psicologica, ed è la scoperta che “la cosa di tenebra” è dentro di noi".

La cornice del romanzo è costituita dalle lettere che l’esploratore Robert Walton scrive alla sorella Margaret da una nave in viaggio verso il polo. Walton racconta l’incontro con un uomo disperso in gravi condizioni che gli consegna un manoscritto con la sua incredibile storia. Si tratta di Victor Frankenstein, uno scienziato ginevrino che, in un momento di autoesaltazione ha tentato di creare un essere vivente a partire da pezzi di cadaveri. Una volta compiuta l’impresa, Frankenstein rimane inorridito dalla sua creatura e la scaccia. Per vendicarsi del ripudio, l'essere uccide William, fratello minore di Frankenstein; del delitto è accusata la giovane Justine, che viene condannata a morte. Frankestein incontra la creatura, che gli rivela tutta la sua solitudine e angoscia e gli racconta la storia del suo avvicinamento alla famiglia di un cieco, finita male a causa del suo terribile aspetto. In cambio della sparizione definitiva, vorrebbe dallo scienziato una compagna. L’uomo accetta, poi ci ripensa; la creatura gli uccide prima l’amico Henry e poi la sposa Elizabeth proprio nel giorno del matrimonio. Il padre di Frankestein ha un colpo apoplettico e Victor parte all’inseguimento della sua creatura  fino al Polo. Victor muore sotto gli occhi di Walton; appare per l’ultima volta la creatura, parla della sua solitudine e poi sparisce nel nulla.

 

Nadia Fusini si è laureata in lettere all’università La Sapienza di Roma. Ha approfondito gli studi sulla letteratura americana all'Università di Harvard; sul teatro elisabettiano e Shakespeare ha studiato allo Shakespeare Institute di Birmingham. Ha insegnato Lingua e Letteratura Inglese all'Università di Bari; è diventata Ordinario di Lingua e Letteratura Inglese presso l'Università La Sapienza di Roma, dove ha insegnato Critica Shakespeariana fino al 2008. Poi ha diretto un dottorato in Letterature Comparate presso l'Istituto Italiano di Scienze Umane (SUM) e insegna ora alla Scuola Normale Superiore di Pisa e presso la Facoltà di Filosofia dell’Università del San Raffaele a Milano. Ha tradotto e commentato moltissimi autori di lingua inglese: tra cui Virginia Woolf, John Keats, Shakespeare, Samuel Beckett, Mary Shelley. Nel 1995 ha vinto il Premio Mondello per la traduzione di Le onde di Virginia Woolf, edito Feltrinelli. Si è occupata dei temi dell'identità e del femminile: Uomini e donne. Una fratellanza inquieta, Donzelli, 1995; Nomi. Dieci scritture femminili, Donzelli, 1996; Donne fatali. Ofelia, Desdemona, Cleopatra, Bulzoni, 2005; Possiedo la mia anima. Il segreto di Virginia Woolf, Mondadori, 2006.Tra i suoi romanzi: La bocca più di tutto mi piaceva, Donzelli, 1996; Lo specchio di Elisabetta, Mondadori, 2004; L'amore necessario, Mondadori 2008. Tra le sue ultime pubblicazioni Di vita si muore, Lo spettacolo delle passioni nel tetro di Shakespeare, Mondadori 2010, Hannah e le altre, Einaudi 2012, Vivere nella Tempesta, Einaudi 2016. Collabora alle pagine culturali de La Repubblica.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo