Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Il divino. La guerra birmana nella graphic novel dei fratelli Hanuka

 Il divino. La guerra birmana nella graphic novel dei fratelli Hanuka

Mark, un giovane tecnico esplosivista in procinto di diventare padre e con aspettative di carriera che sembrano sfumare da un momento all’altro, viene intercettato da Jason, ex militare e attuale collega, che lo spinge a considerare l’idea di una missione in Quanlom per conto del governo. Il lavoro sembra facile e remunerativo, ma dietro l'angolo si nasconde la minaccia soprannaturale che protegge quelle terre, ferite e lacerate dall'arroganza degli invasori: il divino, due bambini-soldato portentosi, antichi paladini e custodi di draghi, che faranno scorrere fiumi di sangue.

Uscita congiunta per i gemelli israeliani Asaf (KO a Tel Aviv) e Tomer (Tropical Toxic) Hanuka, che disegnano una storia sceneggiata dallo scrittore Boaz Lavie. Il divino (BAO Publishing) è un racconto funambolico e stordente di sofferenza, misticismo e riscatto  in cui l'arroganza dell'Occidente si scontra con la potenza immaginifica dei bambini. La realtà contro la necessità del Sogno.

Clicca sull'immagine per vedere la gallery

La foto che ha ispirato gli autori per la storia deIl Divino fu scattata dal fotografo dell'Associated Press Apichart Weerawong il 27 giugno del 2000 nella giungla del Myanmar e mostra i gemelli Johnny e Luther Htoo, di 12 anni, poco dopo un raid in ospedale dell'esercito thailandese dove i due avevano tenuto in ostaggio 800 persone.

"La foto fu vista in tutto il mondo diventando una rappresentazione senza pari dell'infanzia privata dell'infanzia: soldati-bambino funatori incalliti, occhi stanchi come quelli di un conquantenne", dicono gli autori. " Per diversi anni l'abbiamo guardata cercando di decifrarla, di imparare qualcosa sull'infanzia, sulla vita in condizioni estreme, su noi stessi".

Johnny e Luther Htoo, nati nel 1988, sono di origine Karen, il secondo gruppo etnico del Myanmar, che per diversi anni lottò contro l’esercito regolare del Myanmar, allora chiamato solo Birmania e governato da una giunta militare. Nel 1997 l’esercito birmano avviò una vasta operazione per prendere il controllo dei territori controllati dai Karen nell’est del paese, dove si sarebbe dovuto costruire un’importante oleodotto, e in quell’anno durante un raid distrusse il villaggio dove i gemelli Htoo vivevano con la loro famiglia.

La versione più accreditata della storia racconta che dopo il raid un prete accompagnò i due gemelli Htoo dal capo delle milizia Karen spiegando che Dio gli aveva parlato e che la loro missione era salvare il popolo Karen. Luther e Johnny Htoo, che all’epoca avevano nove anni e non sapevano leggere né scrivere, diventarono comandante e vice-comandante del God's Army, l’Esercito di Dio della montagna sacra, una strana milizia formata da adulti e ragazzini di origine Karen che, armati ed equipaggiati in modo approssimativo, vivevano accampati nella giungla combattendo sporadicamente contro l’esercito regolare birmano. Presto intorno ai due gemelli Htoo si formò un'aura di venerazione: di loro si diceva che avessero poteri magici, che fossero invulnerabili a  mine e proiettili, che sapessero la bibbia a memoria senza averla mai letta.

"Quando cominciammo a lavorare a questo libro - spiegano ancora gli autori - ci facemmo ispirare da quelle leggende e dalla foto di Weerwwong, ma poi continuammo per conto nostro facendolo diventare un racconto di invenzione".

Già nel 2000 il God's Army contava poche decine di soldati: alcuni erano morti, molti avevano disertato per andare a lavorare nei porti della Thailandia e mantenere le loro famiglie. Nel 2011 i fratelli Htoo si arresero all’esercito del Burma e per alcuni anni finirono in un campo profughi in Thailandia. Luther si è poi trasferito in Svezia, dove vive tutt’ora, si è sposato e studia economia. Johnny invece è ancora nel campo profughi in Thailandia e attende di ricongiungersi con la  madre e la sorella in Nuova Zelanda

"Per noi ad ogni modo - concludono gli autori - saranno sempre dodicenni, in una foto che non comprenderemo mai appieno".

Tags

Condividi questo articolo