Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Il fu Mattia Pascal raccontato da Geno Pampaloni

Un’intervista a Geno Pampaloni su Il fu Mattia Pascal di Luigi Pirandello viene accompagnata da sequenze tratte dall’omonimo film di Marcel L`Herbier. L`italianista Pampaloni, nel filmato, propone la propria interpretazione del romanzo e dei personaggi di Luigi Pirandello. La vicenda di Mattia Pascal, che diventa Adriano Meis e poi torna ad essere, infelicemente, se stesso, affascina Geno Pampaloni "perché pone un problema poi largamente diffusosi, quello della crisi d`identità". Lì "Pirandello è colto dalla sua ansia di scrittore, di attraversare la Maginot del naturalismo". Parlare del Mattia Pascal, per Pampaloni, significa inoltre parlare dell`interessamento di Pirandello per la teosofia e lo spiritismo, dell`ispirazione "scultorea" dei suoi personaggi, di quella Roma piccolo-borghese, farisaica, ipocrita, meschina, che lui tanto aborriva (diversa dalla Roma di D`Annunzio e di Borgese), e del`umorismo che sta alla base di questo celebre romanzo.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo