Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Il primo uomo di Albert Camus

Una madre affettuosa e un appassionato maestro dell’elementari: bastano queste due presenze per trasformare l’infanzia povera di Albert Camus in una fonte di bellezza e meraviglia. Tale ricchezza è all’origine della visione antiutopica, anticonformista e profondamente umana della storia e della politica di Albert Camus, che racconta il nucleo incandescente della sua personalità nel capolavoro postumo (e incompiuto) “Il primo uomo”. Nemico dell’ideologia, Albert Camus ha svelato l’ingiustizia radicale e l’orizzonte nichilista del pensiero dell’intellighenzia della sinistra francese, “nemica intima” della democrazia, di cui il suo amico Jean-Paul Sartre faceva parte. Il Prof. Raniero Regni racconta questo e molto altro in un’intensa intervista che potete vedere qui in anteprima e poi nella puntata NEMICI INTIMI DELLA DEMOCRAZIA. Insieme a Albert Camus anche “Underground Bazar” di Ron Leshem, ambientato in Iran, e “I nemici intimi della democrazia” del filosofo Tzvetan Todorov. Maria Agostinelli presenta la novità “Un anno sognato pericolosamente” di Slavoj Žižek. Per i classici di Eraldo Affinati “Vivi e ricorda” di V. Rasputin. 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo