Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Insegnare con i bit: Garamond

Zaino digitale: un sogno per quasi tutti gli studenti, un fenomeno che comincia a diventare consuetudine per molti di essi. Negli Stati Uniti ovviamente sono i tablet a fare la parte del leone, mentre in Italia, con un sistema scolastico arretrato e povero di finanziamenti, la grande rivoluzione stenta ad avviarsi. E a poco vale che un recente decreto ministeriale stabilisca che a partire dall'anno scolastico 2011-2012 i libri scolastici dovranno essere elettronici, quando mancano le infrastrutture tecnologiche di base. Vero è che il modello di relazione fra insegnante, alunno e contenuto di studio che è stato in uso per 150 anni nella scuola italiana non sembra essere più valido, stando a come gli alunni di oggi leggono, studiano e imparano. Il manuale scolastico a stampa, cardine della lezione tradizionale, non sembra più adatto ad essere un supporto adeguato dello studio e dell’apprendimento. Come si preparano scuola e editori alle necessità di questo cambiamento? Ne parla a Rai Letteratura Agostino Quadrino, direttore generale di Garamond.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo