Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Jhumpa Lahiri: la mia scrittura e il mio amore per l`Italia

La moglie, romanzo di Jumpa Lahiri pubblicato in Italia da Guanda, mette in scena due fratelli nati a Calcutta, Subhash e Udayan. I due passano in simbiosi i primi anni di vita; a un certo punto le loro vite si separano radicalmente per poi tornare a intrecciarsi. Subhash si trasferisce per studio negli Stati Uniti, Udayan, il minore, aderisce di nascosto al movimento maoista e si sposa d’impulso senza coinvolgere i genitori. L’omicidio di Udayan per mano della polizia riporta Subshash in India. Affascinato da Guari, la vedova del fratello, e commosso dalla sua gravidanza e dalla freddezza con cui la giovane donna viene trattata dai suoi, Subhash le propone di sposarlo e di seguirlo nella sua casa nel Rhode Island. Le cose non andranno come lui sogna. Abbiamo incontrato a Roma Jhumpa Lahiri. L’autrice ci ha illustrato i temi del libro: il rapporto tra i due fratelli, il terrorismo e l’ideologia che lo ispira, la maternità e i suoi risvolti più bui. Qui, come negli altri suoi romanzi e racconti, è evidente la condizione di spaesamento dei personaggi, sospesi tra più patrie: condizione che Jumpa Lahiri, ha sperimentato in prima persona. In chiusura dell’intervista Lahiri si è soffermata sul suo rapporto con l’Italia, sul suo desiderio di imparare l’italiano e poi di metterlo in pratica trasferendosi temporaneamente con la famiglia nel nostro paese. Un rapporto di amore che passa soprattutto attraverso la letteratura.  

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo