Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Jonathan Coe: Come un fiero elefante

Ospite di Libri come, la Festa del libro e della lettura, svoltasi al Parco della Musica di Roma a marzo, lo scrittore inglese Jonathan Coe ha parlato con Marino Sinibaldi del suo recente libro Come un furioso elefante, La vita di B.S. Johnson in 160 frammenti, tradotto dall’inglese da Silvia Rota Sperti. Coe ha raccontato che il suo primo incontro con il soggetto del suo libro, B. S. Johnson, uno scrittore morto suicida a quarant’anni, risale a quando aveva dodici anni. Lo vide comparire in televisione mentre leggeva le sue poesie e fu ipnotizzato da lui. Dieci anni piu’ tardi lesse un suo libro, che lo interesso’ moltissimo. Riusci’ con fatica a procurarsi tutte le sue opere e ando’ da un editore a proporgli un saggio che ne ricostruisse il percorso letterario. Questo poi divenne una biografia molto particolare, contenente elementi di autobiografia: Coe stesso prende spunto dalla riflessione su B.S. Johnson per analizzare il suo rapporto con la scrittura e con l’arte.

Jonathan Coe è nato a Birmingham nel 1961, è sposato e vive a Londra. Ha svolto molte attività: insegnante di poesia inglese all’università di Warwick, musicista semiprofessionista, correttore di bozze, giornalista e scrittore freelance. E’ considerato uno dei più importanti talenti narrativi inglesi e in Italia e’ molto popolare per il suo humour e lo spirito critico con cui racconta la societa’ contemporanea.

In italiano sono stati tradotti i seguenti romanzi: Donna per caso, 2003; L'amore non guasta, 2000; Questa notte mi ha aperto gli occhi, 2008; La famiglia Winshaw,1995; La casa del sonno, 1998; La banda dei brocchi, 2002; Circolo chiuso, 2005; La pioggia prima che cada, 2007; I terribili segreti di Maxwell Sim, 2010.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo