Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Julia Pierpont: lo sguardo dei figli

Julia Pierpont è un’esordiente americana laureata in scrittura creativa alla New York University. Il suo romanzoTra le infinite cose (tradotto da Carlo Prosperi per Mondadori)  racconta la fine di una coppia vista attraverso gli occhi dei due figli. Un pacco contenente le compromettenti mail erotiche di Jack alla sua amante, che si vuole vendicare del suo abbandono, viene consegnato dal portiere del palazzo alla undicenne Kay. Incuriosita dalla confezione e incurante del fatto che il pacco sia per sua madre, Kay lo apre, ne resta sconvolta e le mostra al fratello Simon che ha quindici anni. Stretta tra l’infelicità dell’introversa Kay che si mette a scrivere una sit com a sfondo sessuale riecheggiando le espressioni che ha letto, e l’aggressività di Simon, inferocito con il padre, Deborah parte per Rhode Island con i ragazzi. La seconda parte del romanzo ci racconta per brevi capitoletti il futuro della famiglia e quando, nella terza parte, riprendiamo a seguire la vita quotidiana dei quattro tutto appare in una luce diversa, più vivida, perché sapere il finale conferisce tragicità a eventi di per sé ordinari. Deborah cerca di intrattenere i figli, Simon conosce Teagan e si infila nel suo letto, Kay si sente ancora più abbandonata e tradita,  Jack va in Arizona, invitato da un college… Pierpont esplora dall’interno i sentimenti dei suoi personaggi, restituendo con dolorosa intensità le dinamiche familiari: l’inadeguatezza che si prova da madre a fronteggiare adolescenza e preadolescenza; la solitudine di una non più bambina; l’egoismo di un maschio in pubertà; la superficialità di un cinquantenne di successo.

“Se sapessimo come andrà a finire, faremmo più attenzione alle persone che amiamo”: è una delle cose che ci ha detto Julia Pierpont in questa intervista che le abbiamo fatto a Mantova, a palazzo Castiglioni, nell’ambito di Festivaletteratura

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo