Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

La Beat Generation

Il Professor Claudio Gorlier, in una trasmissione del 1969, tratteggia impressionisticamente il variegato panorama della letteratura anglo-americana nel secondo dopoguerra. Sono gli anni in cui scompaiono i grandi del romanzo di lingua inglese, quali Virginia Woolf e James Joyce, mentre la società, rigidamente divisa in classi, si trasforma per effetto della recente guerra.
Nel 1956, anno della repressione sovietica in Ungheria, viene rappresentato al Royal Court Theatre di Londra Look back in anger, una delle più celebri "commedie arrabbiate" di John Osborne e, nello stesso anno, Allen Ginsberg scrive L’urlo, destinato ad essere da molti considerato il manifesto della Beat Generation.
Mentre il movimento d’avanguardia in America esprime il suo netto rifiuto della società borghese e dell’ordine costituito, il mondo, minacciato dalla catastrofe atomica, si appresta a vivere gli anni bui della guerra in Vietnam.

Commenta

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo