Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Laura Fusconi, Volo di paglia

Volo di paglia, l’esordio letterario di Laura Fusconi, uscito da Fazi, è ambientato nelle campagne del piacentino in due tempi, il 1942 e dintorni, e il 1998. I protagonisti di entrambe le sezioni del libro sono bambini ed è notevole la capacità di Fusconi di rendere le emozioni di questi, l’intensità dei loro desideri e delle loro paure. Camillo e Tommaso nel ’42 vanno alla festa del paese, dove trovano Lia, la ragazzina di cui il primo è innamorato. Lia è figlia della maestra Ada e di Gerardo Draghi, capo delle camicie nere, che entra in scena come un attaccabrighe e pian piano svela la sua natura di mostro. Dopo più di cinquant’anni la grande casa dei Draghi è in rovina e ci vanno a giocare Luca, che abita nei dintorni, e la sua amica Lidia, che passa lì le estati. Il fantasma di Lia rivive grazie ai vaneggiamenti dell’anziano Camillo, zio di Luca. Un altro pregio di Volo di paglia è quello di illuminare gli anni finali del fascismo in Italia, la violenza diffusa e impunita e i suoi tragici strascichi.

 

Laura Fusconi è nata a Castel San Giovanni (Piacenza) nel 1990. Dopo la laurea in Graphic Design&Art Direction, si è diplomata presso la Scuola Holden. I suoi racconti sono usciti su retabloid, effe – Periodico di Altre Narratività, Verde rivista, Achab e Horizonte. Volo di paglia è il suo primo romanzo.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo