Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Liam Callanan, Il manoscritto incompiuto

“Una volta alla settimana do la caccia a uomini che non sono mio marito. (Continuo a farlo nonostante tutto.) Non dovrei, ma in fondo faccio un sacco di cose che non dovrei fare: fumare, gestire una libreria, pagare lezioni di francese che trova sempre il modo il saltare… e infine questo. Accompagno le mie figlie a scuola, fisso i genitori che mi fissano e inizio a cercare l’uomo del giorno.” Comincia così il romanzo di Liam Callanan, Il manoscritto incompiuto (tradotto da Francesca Sessi per Editrice Nord): con un’americana, Leah, che vive a Parigi insieme alle due figlie, che non sa che fine abbia fatto suo marito e pensa che da un momento all’altro potrebbe incontrarlo. Scopriamo che Leah e Robert si sono conosciuti a Milwaukee nel Wiscounsin; lei ruba un libro, lui la insegue per regalargliene un altro. Si innamorano, si sposano, ma Robert, che è un inquieto aspirante scrittore, impone le sue regole: ogni tanto sparisce per le sue “scrivasioni”, lasciandole il biglietto, torno presto. Nascono due bambine e un giorno Robert non torna. Quando trova dei biglietti per Parigi, Leah decide di partire con le figlie: è sempre stato il suo sogno andarci e spera di essere raggiunta lì dal marito. La raggiunge invece un suo manoscritto in cui si parla di una libreria: Leah la trova e finisce per lavorarci dentro, dopo aver deciso di rimanere a Parigi e di mandare le figlie a scuola. Passa il tempo, arriva la notizia che Robert è uscito in barca in una giornata burrascosa e risulta disperso. Sarà davvero così? Dal libro alla vita e ritorno: Callanan si diverte a costruire un percorso modellato sulla psiche disturbata di un uomo che ama la scrittura più della vita, di una donna indecisa se archiviare la propria storia d’amore, concedendosi un’altra possibilità, o restarle attaccata fino alla fine. Serpeggia nel romanzo la riflessione sul misterioso potere dei libri.


"Ogni libro è un modo per dire:  guarda c’è un’altra strada, una strada diversa. Ogni libro in una libreria è un nuovo inizio. Ogni libro è l’ennesima ripetizione di una storia antichissima. Ogni libreria , perciò è una sorta di cassetta di sicurezza della civiltà" 

Liam Callanan è nato a Wahsington ed è cresciuto a Los Angeles. Scrittore, giornalista e professore associato di letteratura inglese presso l’università del Wisconsin, è stato finalista all’Edgar Award e nel 2017 ha vinto l’Hunt Prize. È creatore e co-produttore di Poetry Everywhere, una serie di corti animati che diffondono la poesia sugli schermi a bordo dei mezzi pubblici. 
 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo