Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Lou Reed. Un racconto di rock, vita e poesia

Esattamente un anno fa, il 27 ottobre 2013, all'età di 71 anni, ci lasciava Lou Reed  il poeta del Rock.

Lou Reed, un’icona acclarata del rock: un artista in continua trasformazione, iconoclasta, ribelle, convinto che il rock&roll sia "un potere oscuro che ti cambia la vita".  Paolo Bassotti - traduttore, conduttore radiofonico, collaboratore di Gibson.it e autore del blog Il giardino dei leoni - gli ha dedicato il songbook Lou Reed. Rock and Roll (Arcana), raccolta di testi commentati e racconto di vita. Che lo stesso divo nato con i Velvet Underground mette in scena in ogni canzone, anche a costo di “crescere in pubblico coi pantaloni calati”.

Instancabile narratore, Reed ha innanzitutto raccontato New York: maestosa, inesauribile, impossibile da non amare anche mentre sprofonda nell’orrore. E poi ha portato in scena le vite di tantissimi personaggi, reali o verosimili: Teenage Mary, Waldo Jeffers, Miss Rayon, Lady Godiva, Pearly Mae, Lorraine, Waltzing Matilda, Andy Warhol e la fantasmagoria della Factory. Candy Darling, Holly Woodlawn e il fascino pericoloso dei bassifondi. "Venni introdotto alle droghe da un nero con la faccia schiacciata, Jaw, che mi ha subito trasmesso l’epatite. Il suo pessimo sangue ha posto fine alle mie fallimentari esplorazioni", racconta Lou Reed a proposito di Heroin. "Ma quella canzone - dice Bassotti a Rai Letteratura - non è solo autobiografia: è stata un vanto e un fardello. Quasi uno schiaffo. Credi che sia una canzone buffa. Ma poi ti colpisce, ed è troppo tardi. Non hai più scelta".

Raccontare i testi più importanti di Lou Reed significa ricostruire la storia di uno sguardo. I suoi occhi hanno osato guardare la faccia più spaventosa dell’amore e del desiderio, hanno smascherato la violenza della famiglia e dell’America benpensante, per arrivare poi, ormai carichi di esperienza, a contemplare le ingiustizie sociali e gli impenetrabili misteri della morte.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo