Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Luc Lang, All`inizio del settimo giorno

In All'inizio del settimo giorno di Luc Lang, tradotto in italiano da Maurizio Ferrara per Fazi, incontriamo Thomas che aspetta la moglie Camille per festeggiare con lei l’anniversario del loro decimo anniversario di nozze. La donna ha un incidente di macchina, finisce in coma e poi muore. Per lui, rimasto vedovo con due figli piccoli, in difficoltà con il suo datore di lavoro che lo vorrebbe impegnato come prima sullo studio di un dispositivo informatico per controllare i lavoratori, comincia un periodo terribile. Per prima cosa scopre di non aver mai conosciuto davvero Camille, di aver ignorato la ferita che si portava dentro e la riluttanza ad avere un altro figlio, ma soprattutto scopre di aver ignorato la verità sulla propria famiglia d’origine, sull’abnegazione assoluta di suo fratello Jean, e sul motivo per cui la sorella Pauline è andata a fare il medico in Camerun. Sarà proprio un viaggio per rivedere Pauline a chiudere il cerchio e a riconciliare Thomas con la sua vita e con la paternità. Un romanzo sospeso tra i mali della modernità (l’ambiente lavorativo del protagonista e il suo stesso lavoro), i mali della società contadina (di cui è emblema il padre di Thomas) e i mali del continente africano (guerre, corruzione, malattie): a salvarci sono solo le relazioni affettive, la capacità di prenderci cura degli altri.

 

Luc Lang è nato il 18 ottobre 1956 a Suresnes, nella periferia di Parigi. È autore di quattordici romanzi. I diritti cinematografici di questo romanzo, finalista al premio Goncourt, sono stati opzionati.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo