Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Luca Serianni: le invettive dantesche

Luca Serianni torna ospite di Eliseo Cultura con un ciclo di appuntamenti sulla poesia di Dante. Tre gli incontri, tutti di lunedì alle ore 18.30, su Dante visto tra le pieghe della sua opera: "Le invettive dantesche", "Le similitudini della Commedia", "Le figure femminili".

 

Il primo appuntamento, che si è svolto il 15 ottobre, è stato incentrato sull'invettiva dantesca. Questa, rivolta a persone, a città o anche a vizi, è una caratteristica della Commedia e si distribuisce in tutte le cantiche: anche nel Paradiso e in prossimità dell'Empireo, quando Dante mette in bocca a Beatrice un’aspra rampogna contro i monaci antoniani. Nella missione di cui Dante si ritiene investito la condanna aperta del male, e specialmente della corruzione della Chiesa, è una necessità morale e, insieme, una cifra caratteristica della sua poesia. Un messaggio di grande attualità.

 

Luca Serianni ha insegnato a lungo Storia della lingua italiana all’Università di Roma La Sapienza. Socio nazionale dell'Accademia dei Lincei, della Crusca, dell’Accademia delle Scienze di Torino si è occupato di vari argomenti di italiano antico e moderno, di grammatica e di didattica dell’italiano. Autore di una fortunata Grammatica italiana (1988), più volte ristampata, ha dedicato tra l’altro alla lingua letteraria i volumi La lingua poetica italiana. Grammatica e testi (Carocci, 2009), Italiano in prosa (Cesati, 2012), Prima lezione di storia della lingua italiana (Laterza, 2015). L’ultimo libro pubblicato è Per l’italiano di ieri e di oggi (Il Mulino, 2018).

 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo