Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Luis Sepúlveda tra scrittura e politica

La scrittura, l’impegno politico, le amicizie, l’esilio, il viaggio: elementi indissolubilmente intrecciati nel racconto di una vita avventurosa e affascinante come quella di Luis Sepùlveda. Da quando, ragazzino, i primi amori lo inducono a trascurare la passione calcistica e a coltivare quella per la poesia, Sepúlveda scopre che la letteratura che vale è quella che riesce a dar voce a chi non ha voce.

Ripercorrendo una vocazione dalle molte sfaccettature, lo scrittore parla con Florinda Fiamma di Cult Book Factory di Ingredienti per una vita di formidabili passioni, questo libro autobiografico (come gli altri pubblicato da Guanda) nel quale si intrecciano vicende personali, storie di lavoratori e delle loro lotte, grida di dolore per lo sfruttamento criminoso dell’ambiente, riflessioni sferzanti sulla crisi economica che ha investito l’Europa e rievocazioni di momenti condivisi con amici e «maestri». Come il ritratto che ci regala di Pablo Neruda, che ricorda come “una grande balena”, un uomo accogliente attorno al quale si sono ritrovati molti intellettuali cileni. 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo