Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Marco Franzoso: dal Bambino indaco agli Invincibili

Da Il bambino indaco di Marco Franzoso il regista Saverio Costanzo ha tratto il film Hungry Hearts con Alba Rorhwacher e Adam Driver, una trasposizione molto fedele allo spirito del libro. In questa conversazione con Marco Franzoso siamo partiti dal rapporto tra il romanzo e l’opera cinematografica, per poi passare ai temi del Bambino indaco. Franzoso mette in scena una coppia molto legata alle prese con la nascita del primo figlio; la maternità scatena nella donna un’ossessione di controllo. La nutrizione del neonato diventerà terreno di scontro tra i due, fino all'epilogo tragico (che nel romanzo è l'incipit della narrazione). Nel 2014 è uscito, sempre per Einaudi, un altro libro di Marco Franzoso, Gli invincibili, dedicato questa volta al rapporto tra un padre e un figlio che vivono insieme, da soli, dai primi mesi di vita del bambino ai sei anni. È il figlio a far crescere il padre, a liberarlo dalle sue paure, a dargli la forza di affrontare le sue responsabilità, a farlo diventare uomo.  

Marco Franzoso è nato nel 1965 in provincia di Venezia, dove attualmente vive. Nel 1998 ha pubblicato il romanzo Westwood dee-jay (Baldini & Castoldi), da cui è stato tratto uno spettacolo teatrale, e con Marsilio i romanzi Edisol- M. Water Solubile (2002) e Tu non sai cos'è l'amore (2006, Premio Castiglioncello), anch'esso diventato uno spettacolo teatrale. Nel 2012 Einaudi ha pubblicato Il bambino indaco; nel 2014 è uscito Gli invincibili.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo