Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Matteo Nucci racconta la via incantata di Blacker

"Non si trova mai quello che si cerca, ma non si trova nulla se non si cerca qualcosa". L'aforisma dello scrittore Matteo Nucci sintetizza egregiamente lo spirito con cui William Blacker, autore inglese di Lungo la via incantata (Adelphi), ha intrapreso il suo viaggio verso la Berlino della caduta del muro e poi, dirigendosi più a est, verso i territori rumeni liberati dalla dittatura di Ceausescu. Blacker ha scoperto così, cercando altro, i territori incantati e fuori dal tempo del Maramures, dove si coltiva senza l'uso di macchinari e ci si veste con abiti tradizionali. Un paradiso incantato destinato a sconvolgere la vita del giovane scrittore, soprattutto grazie all'incontro con le belle gitane Natalia e Mariska e all'arrivo del mondo moderno anche in queste vallate innocenti.

 

 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo