Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Mi riconosci. Andrea Bajani ricorda Antonio Tabucchi

Mi riconosci è un intensissimo libro dello scrittore torinese Andrea Bajani, pubblicato a un anno dalla scomparsa di Antonio Tabucchi, avvenuta a Lisbona il 25 marzo 2012. È la storia dell’amicizia tra uno scrittore maturo e uno scrittore giovane: lo scrittore maturo, l’amico, il maestro si trasfigura e diventa personaggio. “Il lutto, in fondo, è il tentativo di abitare il vuoto di qualcuno che si è perso” scrive Andrea Bajani nei ringraziamenti. E Bajani abita questo spazio vuoto guardando la morte “ad occhi aperti”, con la leggerezza di andare a parlare coi morti senza crogiolarsi nel dolore e attraversando continuamente il confine labile tra vita e letteratura secondo un’attitudine tabucchiana.

In questa intervista a Rai Letteratura Andrea Bajani racconta la genesi di questo romanzo, la scelta del titolo, citazione dai Sonetti a Orfeo di Rilke, e lo straordinario rapporto che lo ha legato ad Antonio Tabucchi.

Andrea Bajani è nato a Roma nel 1975 e vive a Torino. Nel 2005 pubblica Cordiali saluti, un romanzo su uno scrittore di lettere di licenziamento. Nel 2006 racconta il mondo dei lavoratori precari con Mi spezzo ma non m’impiego. Al temi del lavoro e della crisi economica dedica anche i testi teatrali I miserabili di Marco Paolini e 18.000 giorni. Il pitone con Gianmaria Testa e Giuseppe Battiston. Nel 2008 con Domani niente scuola pubblica un reportage sul mondo della scuola e sugli adolescenti. Tra i suoi libri più recenti Se consideri le colpe (2007),  Ogni promessa (2010) e La mosca e il funerale (2012). Nel 2013 pubblica Mi riconosci.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo