Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Pierre Lemaitre: pur di lavorare

In Lavoro a mano armata, lo scrittore francese Pierre Lemaitre affronta il tema della disoccupazione dei cinquantenni e lo fa con lo stile caustico e sorprendente che lo contraddistingue. Il  protagonista del libro, Alain, da quadro si è ridotto a fare il magazziniere, ma perde anche questo lavoro. Deciso a conquistare il posto di direttore delle risorse umane, per cui ha superato un primo colloquio, Alain s’impegna con tutto se stesso nel gioco di ruolo organizzato dalla ditta per l’ultima selezione. Si tratta della simulazione di un sequestro di persone. Va tutto come non dovrebbe andare… Nell’intervista Lemaitre parla degli aspetti politici del romanzo, dello spunto di partenza tratto dalla cronaca e del suo gusto per il paradosso, la beffa e la suspense ereditati dal romanzi d'appendice letti da piccolo.

Lavoro a mano armata, pubblicato da Fazi nel 2013 nella traduzione di Giacomo Cuva, ha vinto il Prix Le Point du polar européen come miglior romanzo noir. Il film omonimo è in fase di lavorazione e avrà come attrice protagonista Sandrine Bonnaire.

Pierre Lemaitre ha insegnato per molti anni letteratura ed è approdato tardi alla carriera di scrittore e sceneggiatore. È autore di quattro romanzi con cui ha vinto diversi premi, tra cui il Prix du premier roman al Festival di Cognac nel 2006. I suoi romanzi sono tradotti in 13 lingue.  

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo