Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Scrittori per un anno: Tonino Guerra

Le cose sono cambiate dentro di me, a questo punto c’è sempre più la voglia di stare in casa. La casa diventa il continente […] La casa diventa sempre più il viaggio definitivo”. Così lo scrittore Tonino Guerra nella puntata ritratto realizzata da Luca Ricciardi, Massimo Betti e Caterina Martucci per la trasmissione di Rai Cultura Scrittori per un anno.

 

Tonino Guerra è nato a Santarcangelo di Romagna nel 1920 ed è scomparso all’età di 92 anni nel 2012. All’esperienza giovanile di maestro elementare si sovrappone ben presto quella tragica della guerra e della prigionia in Germania. Dopo il periodo bellico, si trasferisce a Roma nel ’53 dove ha modo di cimentarsi nel cinema come sceneggiatore per vari registi: Rosi, Petri, Angelopulos, Tarkowskij ed in particolare Fellini e Antonioni. Con quest’ultimo ha anche scritto la favola L’aquilone (1982). Di grande rilevanza qualitativa e di successo è la sua produzione poetica in dialetto romagnolo: l’esordio è nel 1946 con I scarabòcc. Nel 1950 pubblica La s-ciuptèda (La schioppettata). Nel 1954 esce Lunario, ampliato nel 1972 nel volume I bu (I buoi), Poesie romagnole. Nel 1981 esce l’importante raccolta poetica Il miele, cui segue nel 1986 Il viaggio. Tra le opere di narrativa, ricordiamo: La storia di Fortunato (1952), Dopo i leoni (1956), L’equilibrio (1967), L’uomo parallelo (1969), Cento uccelli (1974), le favole di Millemosche (con Luigi Malerba, 1969), Storie dell’anno Mille (1972), I guardatori della luna (1981), La pioggia tiepida (1984), Il libro delle chiese abbandonate (1988), Cenere (1990), Farfalle (2002), Polvere di sole. 101 storie per accendere l'umanità (2012).

 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo