Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Vera Giaconi, Persone care

Persone care della scrittrice uruguaiana, Vera Giaconi (traduzione di Giulia Zavagna, Sur) raccoglie dieci racconti incentrati sulle relazioni di amore e amicizia. Un figlio che guarda con orrore l’invecchiamento della madre pensando che dovrà farsi carico di lei; due donne anziane che entrano nella casa della terza sorella nel giorno del suo funerale e continuano a provare invidia per la ricchezza che l’ha circondata; una cameriera che si era affezionata alla padrona dopo il suo tentativo di suicidio che si sente mettere sullo stesso piano di un cane: la tipologia dei personaggi è abbastanza varia ma a dominare è il tema dell’ambiguità dei sentimenti, della convivenza di spinte contraddittorie verso le persone con cui condividiamo il nostro tempo. Uno spazio particolare hanno in questo libro i bambini: il fratello e la sorella di Piranha che si picchiano mentre i genitori litigano in cucina, e il fratello e la sorella che in Al buio si nascondono nell’armadio mentre la vicina che fa loro da babysitter riceve l’inquietante marito. Il sottofondo dei racconti è un esterno minaccioso: mentre i personaggi sono colti in interni domestici, fuori ci sono pericoli innominati che costringono a fughe precipitose, a silenzi (la dittatura, il regime illiberale c’è ma non viene mai nominato). Il non detto domina in questi rapidi squarci di vita che inquietano il lettore e si aprono a diverse interpretazioni (non a caso si chiude con la storia più perturbante e misteriosa di tutte, Rincontro).

Abbiamo intervistato Vera Giaconi in occasione del suo tour italiano. Traduzione consecutiva di Giulia Zavagna.

 

 

Vera Giaconi è nata nel 1974 a Montevideo, Uruguay, ma ha sempre vissuto a Buenos Aires. Nel 2011 ha pubblicato il suo primo libro di racconti, Carne viva (pubblicato in Argentina dalla casa editrice Eterna Cadencia). La sua seconda raccolta, Persone care, è uscita da SUR nella traduzione di Giulia Zavagna.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo