Seguici    
 
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

Gabriele Nissim, La bontà insensata

Gabriele Nissim, giornalista e saggista, presenta alle telecamere di Cult Book il libro La bontà insensata: una riflessione dedicata ai gesti d'amore come forma di resistenza al male assoluto dei totalitarismi che hanno lacerato la nostra storia.
Un testo in cui Nassim, da sempre interessato ai fatti e agli avvenimenti culturali, politici e storici che hanno coinvolto l’Europa Orientale, si avvale del contributo di “compagni di viaggio” di eccellenza quali Moshe Bejski, Hannah Arendt e Vasilij Grossman per raccontare l'esperienza di ribellione che molte persone, in ogni angolo del mondo, scelgono di attuare ogni giorno contro la violenza delle dittature.

Gabriele Nissim è nato a Milano nel 1950.
Nel 1982 ha fondato la rivista “Ottavo Giorno”, dedicata ai temi del dissenso nei Paesi dell’Est Europeo. E’ stato autore di numerosi documentari sull’opposizione clandestina al comunismo, sulla condizione ebraica nell’Est e sui problemi del post comunismo, andati in onda a cura di diverse emittenti televisive, tra cui quella della Svizzera Italiana. Particolarmente attento alle tematiche della Shoah e del Gulag, a Milano ha promosso la costruzione del “Giardino dei giusti di tutti i genocidi” ed il primo parco italiano dedicato alle vittime dei campi di concentramento. Tra le sue opere ricordiamo Ebrei invisibili: i sopravvissuti dell’Europa orientale dal comunismo ad oggi (con Gabriele Eschenazi, 1995); L’uomo che fermò Hitler (2001), Una bambina contro Stalin (2007).

Commenta

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo