Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Jane Austen

Jane Austen

 

Di Jane Austen scrisse Virginia Woolf  “è padrona di emozioni ben più profonde di quanto appaia in superficie: ci guida a immaginare quello che non dice. In lei vi sono tutte le qualità perenni della letteratura.” (The Common Reader, Hogarth Press, Londra 1925). A duecento anni dalla morte (avvenuta il 18 luglio 1817) il mito di questa scrittrice inglese è più vivo che mai. Per ragionare sul fenomeno Austen e comporre un ritratto a più voci abbiamo raccolto il parere di due scrittrici, Simonetta Agnello Hornby e Nadia Terranova, di una studiosa, Liliana Rampello, (autrice di Sei romanzi perfetti per il Saggiatore), di due ricercatrici universitarie, Laura Scuriatti e Marina Della Giusta,  di un’illustratrice, Manuela Santoni, e di un regista, Whit Stillman.

 

Jane Austen nasce a Steventon nell’Hampshire il 16 dicembre 1775 e muore a Winchester il 18 luglio 1817. Vive nel paese natale fino al 1801, poi a Bath e a Southampton; si stabilisce infine a Chawton, finché, ammalata forse di tisi, viene portata a Winchester nel maggio 1817 e vi muore poco dopo. Ha scritto sei romanzi: Pride and prejudice (1797, pubblicato nel 1813); Sense and sensibility (1811); Mansfield Park (1814); Emma (1816); Northanger Abbey e Persuasion (postumi, 1817).

Simonetta Agnello Hornby: la mia Jane Austen

Simonetta Agnello Hornby: la mia Jane Austen

“Ho conosciuto Jane Austen in taliano intorno a dodici-tredici anni in italiano, me lo diede mia madre, è stato il primo romanzo d'amore che abbia letto, mi ha affascinato il ritratto di questa ragazza che pensa con la sua testa“ così Simonetta Agnello Hornby sul  suo primo incontro con Orgoglio e pregiudizio, ...

Leggi tutto

Nadia Terranova: il lato dark di Orgoglio e pregiudizio

Nadia Terranova: il lato dark di Orgoglio e pregiudizio

Orgoglio e pregiudizio è il primo romanzo di Jane Austen, pubblicato nel 1813. Nell’introduzione alla nuova edizione integrale di Mondadori rivolta al pubblico dei ragazzi (traduzione di Giulio Caprin), Nadia Terranova definisce questo libro “un pacchetto completo di istruzioni per cominciare la vita ...

Leggi tutto

Manuela Santoni: la mia Jane somiglia a Elizabeth

Manuela Santoni: la mia Jane somiglia a Elizabeth

Manuela Santoni è l’autrice di Jane Austen, una graphic novel pubblicata da Becco giallo. Santoni immagina che Austen scriva una lettera alla sorella ricordando la sua passione per i libri e quella per il giovane Tom Lefroy. Nell’intervista che le abbiamo fatto a Tempo di libri ci racconta come è nato ...

Leggi tutto

Marina Della Giusta: Jane Austen e l`economia del suo tempo

Marina Della Giusta: Jane Austen e l`economia del suo tempo

Acuta osservatrice dei fenomeni sociali, Jane Austen può essere studiata con profitto anche dagli economisti. Ce ne parla Marina Della Giusta che su questo tema è intervenuta alla Fiera Tempo di Libri, Milano-Rho 2017.     Marina Della Giusta è professore associato di Economia all'Universita' ...

Leggi tutto

Laura Scuriatti: le logiche del pregiudizio in Jane Austen

Laura Scuriatti: le logiche del pregiudizio in Jane Austen

Perché leggere Jane Austen adesso? Secondo Laura Scuriatti nei romanzi della scrittrice inglese c'è un lato filosofico complesso; ci dà una lente per capire molte delle dinamiche del mondo contemporaneo. Nel suo intervento a Tempo di libri, Scuriatti si è soffermata soprattutto su Orgoglio e pregiudizio ...

Leggi tutto

Whit Stillman: la mia Lady Susan e quella di Jane Austen

Whit Stillman: la mia Lady Susan e quella di Jane Austen

Il film Amore e inganni (Love&Friendship ) di Whit Stillman è l’adattamento dell’unico romanzo epistolare di Jane Austen, Lady Susan, da lei scritto a vent’anni e pubblicato dal nipote James Austen Leigh nel 1871. Il regista e sceneggiatore del film Stillman ha anche scritto un romanzo sulla falsariga ...

Leggi tutto