Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Jane Austen

 

Di Jane Austen scrisse Virginia Woolf  “è padrona di emozioni ben più profonde di quanto appaia in superficie: ci guida a immaginare quello che non dice. In lei vi sono tutte le qualità perenni della letteratura.” (The Common Reader, Hogarth Press, Londra 1925). A duecento anni dalla morte (avvenuta il 18 luglio 1817) il mito di questa scrittrice inglese è più vivo che mai. Per ragionare sul fenomeno Austen e comporre un ritratto a più voci abbiamo raccolto il parere di due scrittrici, Simonetta Agnello Hornby e Nadia Terranova, di una studiosa, Liliana Rampello, (autrice di Sei romanzi perfetti per il Saggiatore), di due ricercatrici universitarie, Laura Scuriatti e Marina Della Giusta,  di un’illustratrice, Manuela Santoni, e di un regista, Whit Stillman.

 

Jane Austen nasce a Steventon nell’Hampshire il 16 dicembre 1775 e muore a Winchester il 18 luglio 1817. Vive nel paese natale fino al 1801, poi a Bath e a Southampton; si stabilisce infine a Chawton, finché, ammalata forse di tisi, viene portata a Winchester nel maggio 1817 e vi muore poco dopo. Ha scritto sei romanzi: Pride and prejudice (1797, pubblicato nel 1813); Sense and sensibility (1811); Mansfield Park (1814); Emma (1816); Northanger Abbey e Persuasion (postumi, 1817).