Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Speciale Carlo Fruttero

Il 15 gennaio 2012, a ottantacinque anni, è morto lo scrittore Carlo Fruttero. Una puntata di Scrittori per un anno illustra attraverso dieci video le tappe della sua carriera letteraria e il suo percorso umano, dagli inizi al sodalizio con Lucentini, fino agli ultimi libri. Fruttero nasce a Torino nel 1926. La sua esperienza editoriale è completa e articolata e si sviluppa nel crocevia intellettuale della Torino einaudiana degli anni Cinquanta. Qui Fruttero svolge a lungo un lavoro editoriale che lo vede anche traduttore e saggista, collaboratore assiduo del quotidiano “La Stampa” e romanziere. Con Franco Lucentini forma, per diversi decenni, la più celebre coppia del giallo e del giornalismo italiano, consegnando al lettore decine di romanzi, saggi, antologie, pezzi giornalistici. Il successo arriva nel 1972 con La donna della domenica, il best seller di ambientazione torinese che diventa un film tra i più amati degli anni Settanta. E ancora con Lucentini, Fruttero firma L’Italia sotto il tallone di F. & L. (1974), A che punto è la notte (1979), Il palio della contrada morte (1983), La prevalenza del cretino (1985), L’amante senza fissa dimora (1986), La manutenzione del sorriso (1988), Enigma in luogo di mare (1991), Il ritorno del cretino (1992) e Il cretino in sintesi (2002).

Sempre con Franco Lucentini, che muore nel 2002, Fruttero si occupa a lungo di fantascienza, dirigendo per più di un ventennio la storica pubblicazione periodica mondadoriana “Urania”. Nel 1999 pubblica “in solitario” il romanzo Visibilità zero e nel 2006 Donne informate sui fatti, il giallo che raccoglie il distillato degli scenari e delle ambientazioni de La donna della domenica

 Tra gli ultimi libri La Patriabene o male. Almanacco essenziale dell’Italia Unita (2011), scritto insieme a Massimo Gramellini e Mutandine di chiffon. Memorie retribuite (2011)